Quali farine puoi usare nella dieta chetogenica

Quali farine puoi usare nella dieta chetogenica

Nel precedente articolo abbiamo parlato di cos’è la dieta chetogenica e quali alimenti bisogna assumere. In parole povere la “keto diet” è una dieta senza carboidrati.

Una delle sfide in cui ci si imbatte durante la dieta chetogenica è la scelta di farine alternative per sostituire la classica farina di grano.In questo articolo, visto le numerose richieste, vi parliamo di quale farina utilizzare per la dieta keto.

Leggi l’articolo su Come iniziare la Dieta Chetogenica

Quale farina utilizzare nella dieta chetogenica

Come ben sai la classica farina di grano contiene troppi carboidrati i quali vengono metabolizzati e convertiti in glucosio molto velocemente. L’ideale sarebbe trovare più farine con basse quantità di zuccheri e possibilmente una quantità media di grassi e fibre. Queste ultime infatti aiutano a diminuire l’impatto glicemico di un alimento in quanto non vengono digerite direttamente nello stomaco.

Le farine più comuni che si usano come sostituto nella dieta chetogenica sono le seguenti:

  • Farina di mandorle
  • Farina di cocco
  • Farina di semi di lino
  • Farina di bucce di psillio
  • Farina di nocciole
  • Farina di noci
  • Farina di lupino

Farina di mandorle

La farina di mandorle è la tipologia di farina low-carb (con pochi carboidrati) più comune considerando la sua concentrazione bassa di carboidrati ed elevata di grassi. E’ una farina prodotta dalla lavorazione delle mandorle, solitamente sbollentate e a cui viene poi rimossa la buccia.

La farina di mandorle è molto comune nella dieta chetogenica in quanto è l’elemento sostitutivo principale alla farina nei dolci chetogenici.

La farina di mandorle ha un costo medio e puoi trovarla con molta facilità anche su Amazon.

Farina di cocco

Altro ingrediente molto utilizzato nella dieta chetogenica per la preparazione dei doli chetogenici è la farina di cocco per il suo quantitativo basso di carboidrati netti. La farina di cocco va utilizzata in quantità minori rispetto alla farina di mandorle in quanto essa è molto assorbente; utilizzata in quantità elevate si rischia di avere un dolce molto asciutto e secco.

Prodotta dalla polpa essiccata della noce di cocco è una farina con una una buona quantità di grassi per porzione, il che la rende ottima per questa tipologia di dieta.

La farina di cocco è tendenzialmente più economica rispettò alla farina di mandorle, però come detto in precedenza, va considerato che deve essere utilizzata in quantità minori.

Potete reperire facilmente la farina di cocco su Amazon.

Farina di semi di lino

La Farina di semi di lino è un ingrediente ancora poco conosciuto in ambito di ricette low-carb, ma è un ottimo sostituto della farina tradizione in ricette salate come pane o piadine.

La farina di semi di lino viene prodotta tritando finemente i semi di lino, sia scuri che dorati ed è una buona fonte di omega-3 e vitamina B.

Questa farina viene utilizzata, come anche i semi di chia, come sostituto delle uova in ricette vegane. Infatti mescolando un cucchiao di semi tritati con 3 cucchiai di acqua si forma una sostanza gelatinosa in grado di legare gli ingredienti.

Potete trovare la farina di semi di lino su Amazon.

Farina di bucce di Psillio

un prodotto poco conosciuto ma molto utile come sostituto del glutine per legare ingredienti come pane, pizza, piadine sono le bucce di Psillio. Trattasi di una fibra, un tipo di carboidrato non digeribile

Bisogna però tener presente che l’utilizzo elevato di queste fibre può causare problemi digestivi, quindi solitamente viene utilizzata una quantità bassa di farina di bucce di Psillio, in combinazione con altre farine, come farina di mandorle e farina di semi di lino.

La farina di bucce di Psillio è relativamente economica, anche considerato che viene utilizzata in quantità molto più basse rispetto ad altre, e potete trovarla su Amazon.

Farina di noci

Altro ingrediente abbastanza conosciuto è la farina di noci che come come la farina di mandorle, viene prodotta sbucciando e tritando finemente le noci. Queste posso essere noci di vario tipo in quando quasi ogni tipologia di frutta a guscio è valida nella dieta chetogenica. Queste includono noci, nocciole, noci di macadamia, noci brasiliane, noci di Pecan e le più comuni mandorle.

Queste hanno tutte un ottima quantità di grassi e basse quantità di carboidrati, quindi sono perfette nella dieta chetogenica.

Le farine di noci diverse dalle mandorle sono generalmente più costose rispetto e anche più difficili da reperire online, però restando comunque delle farine approvate per la dieta chetogenica.

Farina di lupini

Altro ingrediente per la tua dieta chetogenica è la farina di lupini prodotta tritando finemente dei lupini, i quali sono dei legumi ricchi di fibre. Essendo un tipo di farina quasi sconosciuta, quindi è molto difficile trovare ricette che la utilizzano.

E’ una tipologia di farina che avendo un elevato quantitativo di lectina, va evitata in caso di sensibilità alla lectina (come il glutine). In ogni caso questa farina è comunque low-carb e può essere utilizzata come sostituto alla farina tradizionale per fare pane, focacce e pizze.

La farina di lupini è tra le più economiche citate e si può trovare facilmente su Amazon.

Farina di zigolo

Lo zigolo è una tipologia di tubero e dalla sua lavorazione è possibile ricavare la farina; ha un sapore più dolce rispetto alla farina di madorle, e produce dolci e dessert dal sapore migliore rispetto alle farine low-carb classiche.

Ma la farina di zigolo è low-carb?

La domanda sorge spontanea quando si leggono i valori nutrizionali dello zigolo. In realtà lo zigolo come molti tuberi è considerato un amido resistente, ovvero un amido che non viene assorbito, o quanto meno viene assorbito parzialmente.

La farina di zigolo ha un costo medio/alto e potete trovarla su Amazon.

Farine da evitare

Tra le farine da evitare nella tua keto diet troviamo:

  • Farina di manioca
  • Farina di tapioca
  • Farina di Amarato
  • Farina di grano
  • Farina di mais

Farine Chetogeniche: conclusioni

Rinunciare a prodotti alimentari legati alla farina tradizionale è una delle difficoltà più grandi che ogni persona che inizia la dieta chetogenica deve affrontare. Non bisogna però farsi scoraggiare dal fatto che non possiamo più mangiare dolci, pane, pasta ecc. perché i benefici della dieta chetogenica vanno ben oltre la impossibilità di consumare quegli alimenti.

In questo articolo vi abbiamo mostrato come esistano diversi tipi di farine low-carb che, sebbene non possano sostituire al 100% la farina di grano o mais, sono delle ottime alternative come sostituiti in ricette sia dolci che salate.

Quindi non disperate, la rete è piena di ricette chetogeniche e low-carb che possono sostituire le ricette tradizionali, e alle volte anche superare in gusto le originali.

Leggi il nostro articolo e scopri il menu per la tua dieta chetogenica.

Serena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *